Notizie
Centri | Contattaci | ב"ה
English
NotizieEventiParashàFesteVitaConcettiOpinioni
Primo PianoIn BreveEsteriNei MediaMazal TovCondoglianze
Home > Notizie > In Breve > Montesilvano ricorda con rav Shalom Hazan
• Ultime/i Notizie in "In Breve"
• Lettura della Meghillà a Valenza
• Beit Chabad: Tradizionale pranzo di Purim
• Montesilvano ricorda con rav Shalom Hazan
• Raduno chassidico in onore dei duecento anni dalla dipartita del fondatore della Chassidut Chabad
• La Calabria e l'ebraismo uniti nel segno del cedro
• Studenti di yeshiva illuminano Roma
• Festeggiamenti di Chanukkà in Viale Libia
• Israeliani festeggiano a Milano
• I bambini imparano come si fa l'olio d'oliva
• Gan Israel: Campeggio tutto l'anno
• Commenti
Montesilvano ricorda con rav Shalom Hazan

MONTESILVANO (PE) - Stamane, nell'Aula Magna dell'Istituto Tecnico Commerciale "Emilio Alessandrini" di Montesilvano, nel Pescarese, in occasione della Giornata della Memoria per le vittime dell'Olocausto avvenuta ieri 27 Gennaio, si è commemorato l'evento davanti a una nutrita rappresentanza di autorità locali e di studenti provenienti da vari licei e scuole medie della cittadina adriatica.

Dopo il discorso d'apertura del dirigente scolastico è stata la volta del Sindaco, Dott. Attilio Di Mattia che, ricordando le proprie radici, ha voluto esprimere un pensiero per questa delicata e importante ricorrenza. Il primo cittadino, infatti, è di religione ebraica, ma ha voluto anche ricordare, essendo egli proveniente da famiglia multiculturale, una tragedia non solo estesa al popolo ebraico ma a  tutte le minoranze tra le quali Sinti, Rom, Testimoni di Geova e omosessuali, trucidate e soppresse dalla follia nazista.

Il Sindaco inoltre ha ribadito quanto il ruolo dei giovani sia fondamentale e come loro debbano essere collante tra il passato e il futuro, nel non dimenticare quanto accaduto e mantenere sempre vivo il ricordo. Poi è stata la volta del Rabbino Shalom Hazan, venuto dalla capitale e accolto da un caloroso applauso. Nel suo intervento ha semplicemente ricordato che quanto accaduto è stato opera dell'uomo nella sua massima espressione di atrocità e crudeltà: persone e non belve, ma uomini la cui colpa  più grave è stata quella di cedere al male.  Infine ha asserito che tragedie del genere non dovranno più ripetersi. Un auspicio che noi tutti condividiamo come è giusto che sia.

 

 

Pubblicato lunedì 28 gennaio 2013 alle 20:00:00











Precedente  
© Copyright 1998 - 2019 Chabad.it | Ebraismo, Ebrei e Torà |