Notizie
Centri | Contattaci | ב"ה
English
NotizieEventiParashàFesteVitaConcettiOpinioni
Primo PianoIn BreveEsteriNei MediaMazal TovCondoglianze
Home > Notizie > Primo Piano > Rabbini in Missione
• Ultime/i Notizie in "Primo Piano"
• Un Luna Park per i giovani di Roma
• Purim: L'atmosfera di New York arriva a Milano
• Piazza Barberini festeggia Chanukkà
• Il Ghetto Novo di Venezia ospita la Chanukkià gigante
• Illuminato Corso Vittorio Emanuele II a Milano
• Inaugurata la moderna Chanukià di Piazza Bologna
• 19 Kislev: La festa della liberazione festeggiata in Italia
• Da Roma a Zitomir con amore
• La scuola internazionale si trasferisce in un nuovo Campus
• Il Gan Rivka di Monteverde si ingrandisce e cambia sede
• Commenti
Rabbini in Missione

GENOVA - Quattro giovani in giro per Toscana, Liguria e Piemonte per trovare ebrei che forse non sanno neanche di esserlo, leggi come ne hanno trovato uno al porto di Genova.

Levi Piha, Mendy e Yossi Labi e Avremi Friedman,  giovani studenti di Yeshiva Chabad, hanno viaggiato in diverse città come Livorno, Viareggio, Genova, Sanremo, Torino, ecc... per incontrare ebrei e collegarli con la loro comunità o anche solo per fargli fare una mitzvà con la speranza che sia solo la prima di molte.

Sono stati un Shabbat a Livorno, uno a Genova ed uno a Torino ospiti della comunità locale.

Ci hanno mandato una storia incredibile che gli è accaduata nel porto di Genova, scritta da Avremi Friedman:

Verso la fine di un giorno di merkos shlichus pieno di attività e di emozioni, abbiamo deciso di andare al porto di Genova, una attrazione turistica enorme, grazie al famoso aquario di Genova, in attesa di trovare alcuni ebrei di passaggio. 

Dopo un paio d'ore sul lungomare, dove abbiamo incontrato due coppie francesi che sono stati molto sorpresi e stupiti di trovarci, dissi al mio compagno Yossi, che dovremmo iniziare ad andare verso il "Tempio" della comunità, ma lui mi rispose: "ancora un ultimo giro del porto e finiamo".

Troppo stanco per discutere abbiamo iniziato un altro giro intorno al porto, poi abbiamo deciso di sederci su una panchina   Mentre stavamo parlando della giornata incredibile appena passata, improvvisamente fuori dal nulla un curioso locale di nome Giorgio si è avvicianto e ci ha chiesto se abbiamo caldo con i nostri vestiti ,riferendosi probabilmente alla giacchetta e cappello che abbiamo sempre addosso.

Yossi non ha perso un secondo e subito gli ha chiesto se è ebreo e l'immediata risposta era di no, poi gli abbiamo domandato se forse è imparentato con degli ebrei, la sua risposta è stata che sua nonna era ebrea e il suo nome era Clelia Morgantini - Bellatalla di origine livornese. Dopo aver confermato che era la sua nonna materna, lo abbiamo subito informiamo che è ebreo al cento per cento.  

Senza perdere tempo abbiamo cominciato a convincerlo ad indossare i Teffilin. Dopo una breve introduzione sul significato e l'importanza dei filatteri, ha accettato felicemente di indossare i Teffilin proprio davanti alla Marina per la prima volta in vita sua a 80 anni.   Tutto ciò grazie alla divisa che il Rebbe ha chiesto ad ogni suo studente di indossare, che divina provvidenza!

Foto: Avremi Friedman e Dima Gusar.

Pubblicato domenica 1 agosto 2010 alle 11:15:23


con Alberto a Genova


con Daniel


Daniel indossa i Teffilin


con turisti francesi


nel Tempio di Genova con Rav Momigliano


un ballo dopo Shabbat a Genova


Foto di gruppo dopo Shabbat a Genova


Una mezuza a San Remo


Savona


Ventimiglia


Torino


in strada...

Precedente  
© Copyright 1998 - 2020 Chabad.it | Ebraismo, Ebrei e Torà |