Notizie
Centri | Contattaci | ב"ה
English
NotizieEventiParashàFesteVitaConcettiOpinioni
Primo PianoIn BreveEsteriNei MediaMazal TovCondoglianze
Home > Notizie > Primo Piano > "Beteavòn" offre i pasti ai profughi musulmani
• Ultime/i Notizie in "Primo Piano"
• Gala Beteavon 2017: Derech Shalom, l'impegno si fa strada
• Chanukià di cioccolato attira i golosi
• Evento in Succah
• Chabad illumina le Piazze italiane per Chanukà
• Chabad a Piazza Barberini illumina la Capitale
• Nonostante la paura: Chanukà in Piazza S. Carlo a Milano
• Giovani milanesi costruiscono il candelabro con il lego
• Celebrazione del 19 di Kislev a Milano
• "Beteavòn" offre i pasti ai profughi musulmani
• Kosher Expo continua alla "Casa 770"
• Commenti
"Beteavòn" offre i pasti ai profughi musulmani

Come già noto, il Memoriale della Shoah di Milano ospita in questo periodo dei migranti scappati dai loro paesi in guerra. Dei pasti di questi 30-40 ospiti per notte se ne occupa la Cucina Sociale Kosher "Beteavòn" diretta da rav Igal Hazan. Lo stesso rav Hazan ha accompagnato i volontari, che regolarmente si occupano di queste persone, portando con sé le challot (il pane dello Shabbat) per gli ospiti della struttura.

Rav Hazan ha incontrato e parlato in lingua araba con tutti questi profughi, provenienti principalmente da Eritrea e Somalia. Fra questi migranti, rav Hazan ha incontrato un giovane arabo fuggito dal regime di Hamas a Gaza.

"Il Talmud insegna che è più importante come si offre di quanto si offre" ha affermato rav Hazan, riconoscendo che il popolo ebraico conosce bene la condizione dell'essere profughi, perché l'ha sperimentata direttamente. Per questo ha voluto recarsi personalmente e consegnare il pane, simbolo di condivisione.

 

Pubblicato domenica 12 luglio 2015 alle 12:13:23






Precedente  
© Copyright 1998 - 2017 Chabad.it | Ebraismo, Ebrei e Torà |