Concetti
Centri | Contattaci | ב"ה
English
NotizieEventiParashàFesteVitaConcettiOpinioni
Teffilin - FilatteriTorà e Scienza
Home > Concetti > Teffilin - Filatteri > L'Importanza dei Teffilin
• Ultime/i Concetti in "Teffilin - Filatteri"
• Cosa sono i Teffilin?
• L'Importanza dei Teffilin
• Descrizione dei Teffilin
• Il Significato dei Teffilin
• Norme dei Teffilin
• La Campagna dei Teffilin
• Commenti
L’Importanza dei Teffilin

I Teffilin sono una delle più importanti Mitzvot (precetti), come dice il Talmud Kidushin (35b): "tutta la Torà è paragonata alla Mitzvà dei Tefillin". Cioè se mettessimo su un piatto della bilancia l'importanza dei Tefillin e sull'altro piatto tutte le altre Mitzvot, questi due pesi si equivarrebbero.

Non solo, ma chi omette di compiere questa Mitzvà è come se avesse trasgredito ben otto Mitzvot, perchè sono menzionati ben otto volte nella Torà; più esplicitamente nel Deuteronomio (6,8): "e tu li legherai alla tua mano, e saranno fra i tuoi occhi".

Se alcuni hanno trascurato in passato di adempiere alla Mitzvà dei Tefillin, e valutando ora il loro errore esitano a correggerlo temendo di apparire ridicoli alla propria famiglia e ai propri amici, cerchino di riflettere sulle parole dei Rabbini riguardo al ruolo fondamentale di questo precetto nella vita Ebraica.

Rabbi Yehudà Halevi (1100 - 4860 dalla Creazione) probabilmente ricordava una lezione sui Tefillin quando scriveva:
"L'Ebraismo non ci opprime per farci condurre mia vita ascetica, ma ci conduce al raggiungimento dell'equilibrio che consiste nel tenersi equidistanti da ogni estremismo, sia nell'eccesso che nel difetto.
Esso ci lascia libero arbitrio su ogni facoltà concessaci da Dio sia essa materiale o spirituale, rimanendo entro i confini costruttivi fissati dalla stessa mano Divina. E' sicuro che ciò che noi dedichiamo a una delle nostre facoltà in modo eccessivo, va a scapito delle altre, danneggiando Parmonia che dovrebbe governare tutto il nostro essere."

Rabbi El'azar (Rokeach) di Worms (vissuto intorno al 1200 - 4960 dalla Creazione) scriveva:
"Sii già un uomo integro nella tua giovinezza, ma se in quel tempo tu fossi uscito sconfitto dalla battaglia (contro l'istinto animale) cerca di far ritorno a Dio senza mai stancarti, per quanto vecchio tu sia!".

Rabbi Shimshon Refael Hirsh ( 1800-1888; 5560-5648 dalla Creazione) esimio Rabbino dei 19' secolo, disse sui Tefillin:
"Una verità che si manifesta nell'azione, deve venir impressa nelle menti e nei cuori mediante la ripetizione e mediante Pentusiasmo.

Questo vale tanto più per approfondire e applicare i principi essenziali della giustizia e dell'amore, cosa che non si potrebbe sufficientemente fare costruendosi una vita qualsiasi. Cioè: riconoscere soltanto (a parole) la rettitudine e l'amore verso il prossimo, non è sufficiente. E' necessario viverli concretamente. Parole ed azioni simboliche sono inoltre necessarie per lasciare un'impronta indelebile nelle anime facendo Sì che così sacri principi siano conservati e tramandati per il bene di tutti."

Più recentemente, un grande Maestro, Rabbi Meir Yung (1859-1921)5619-5681 dalla Creazione) ebbe a dire sui Tefillin:
"Questo atto religioso, praticato ogni giorno, ha fatto più, per conservare e completare l'alta moralità del nostro Popolo, di quanto non abbiano potuto tutti i libri sull'etica che mai siano stati scritti. Lo stesso può esser detto per le altre Mitzvot, benché molte di esse abbiano una doppia influenza: una diretta, che agisce facendoci ottenere un immediato benessere fisico, e un'altra indiretta che forma il carattere, insegnando una costruttiva auto-disciplina presente in tutte le azioni abituali."

Il Yossef Chayim, noto Posek e Cabalista sefaradita dell'inizio del nostro secolo, nel suo libro "Ben-Ish-Chai" riporta il verso in Deuteronomio (28, 10): "Tutti i popoli vedranno che il nome di Dio si troverà in te e ti temeranno". Il Talmud Berachot spiega che il verso si riferisce al "Tefillà della testa". Come mai propio questa Mitzvà si distingue dalle altre, suscitando timore nei confronti di Israel? Spiega il Ben-Isk-Chai che Dio ha creato quattro mondi nel seguente ordine: Atzilut, B7ià,Tetzirà e Assilà. Il primo mondo "Azilut' è nettamente superiore agli altri poiché è un livello di santità assoluta, da cui il male non può trarre forza. Il "Tefillà della testa" rappresenta questo livello poiché si trova sulla radice dei capelli, cioè in corrispondenza della parte nascosta del corpo che rappresenta Alma Deitkasyià (i mondi nascosti). Per questa ragione i Tefillin sono così particolari: essi sono un segno di unione, in quanto rivelano questo livello nascosto e irragiungibile dal male, mettendo in risalto il profondo e alto legame che Israel ha con Hashem.

Pubblicato venerdì 22 gennaio 2010 alle 03:17:13

Precedente  
© Copyright 1998 - 2020 Chabad.it | Ebraismo, Ebrei e Torà |