Notizie
Centri | Contattaci | ב"ה
English
NotizieEventiParashàFesteVitaConcettiOpinioni
Primo PianoIn BreveEsteriNei MediaMazal TovCondoglianze
Home > Notizie > Esteri > Grande dolore per le vittime dell'attacco terroristico di Kiryat Malachi
• Ultime/i Notizie in "Esteri"
• Due Chassidim insigniti di importanti onorificenze cavalleresche britanniche
• Studenti italiani festeggiano negli Stati Uniti
• Batman mette i Tefillin per la prima volta!
• Con Chabad l'ebraismo torna a vivere a Ulm in Germania
• Chabad in aiuto di un bar mitzvah di 99 anni
• Grande dolore per le vittime dell'attacco terroristico di Kiryat Malachi
• 4.000 emissari di Chabad riuniti al 29esimo Kinus
• A Mosca inaugurato il più grande museo ebraico
• Vietnam: Inaugurato il primo Mikvè. Una conquista spirituale in una terra difficile
• Chabad in prima linea per un aiuto concreto alle vittime di Sandy
• Commenti
Grande dolore per le vittime dell’attacco terroristico di Kiryat Malachi

Gli attacchi da parte di Gaza contro il sud di Israele hanno colpito nel profondo il movimento Chabad. Infatti, nel quartiere di Nachlat Har Chabad a Kiryat Malachi, a pochi kilometri da Ashkelon, il cui stesso vice-sindaco, Chaim Steiner, fa parte di Chabad, vi è ora una grande tensione e dolore tra i suoi ventunmila abitanti.

Il razzo che giovedì mattina verso le 9.00 ha colpito il quarto piano di un palazzo, ha ucciso tre giovani ebrei appartenenti al movimento Chabad: Aharon Smadga, padre di una bambina di otto mesi che è rimasta ferita nell'attacco, Yitzchak Amselam, di ventitré anni,  Mirah Sharf di venticinque anni, in attesa di un figlio e già madre di tre bambini.
Aharon Smadga, era sposato da vent'anni ma lui e la moglie non erano riusciti ad avere figli; poi erano arrivati due gemelli, oggi di nove anni e solo otto mesi fa, dopo tanta attesa, era arrivata anche una figlia, che aveva portato ulteriore gioia in famiglia. Era stato anche uno dei primi ebrei del movimento Chabad a entrare nell'IDF.
 

Mirah abitava a New Delhi in India come attivista Chabad ed era in visita in Israele questa settimana per il servizio commemorativo in onore delle vittimedell'attentato terroristico di Mumbai in India che, a suo tempo, aveva ucciso i due emissari Gabi e Rivkà Holtzberg, il cui anniversario ebraico di morte cade proprio questo giovedì, Rosh Chodesh Kislev.
 

I rifugi di Kiryat Malachi non erano preparati all'assalto, e gli abitanti del palazzo colpito, stavano correndo verso il piano-seminterrato ed erano nelle scale del palazzo proprio quando un missile è esploso, portando via nella deflagrazione le preziose vite.
L'intera comunità è devastata dalla tragedia e, mentre le scuole a Kiryat Malachi sono state chiuse, gli studenti della Yeshiva si sono trasferiti in un tempio di Kfar Chabad, per ragioni di sicurezza.

L'attacco di giovedì rientra nella scia dell'improvvisa ripresa dei conflitti con Gaza che hanno portato dalla sola mezzanotte di mercoledì a giovedì mattina circa quarantacinque missili lanciati contro il Sud di Israele, mentre il sistema di difesa Iron Dome è riuscito a intercettarne tredici. Mediamente nelle ultime ventiquattro ore dall'uccisione del leader militare di Hamas, Ahmed Jabari,
sono quasi duecento gli attacchi subiti. I missili lanciati hanno colpito le città di Ashdod, Ofakim e Beersheba, portando alla chiusura delle scuole e a tanta paura tra la popolazione.

Si chiede di recitare i tehillim per la pronta guarigione di Shmuel ben Chaya Sara, Yosef Yitzchak ben Mira Ruth, Chana bat Mira Ruth e Geulah bat Mira Ruth.

Pubblicato giovedì 15 novembre 2012 alle 08:04:20














































Precedente  
© Copyright 1998 - 2019 Chabad.it | Ebraismo, Ebrei e Torà |