Notizie
Centri | Contattaci | ב"ה
English
NotizieEventiParashàFesteVitaConcettiOpinioni
Primo PianoIn BreveEsteriNei MediaMazal TovCondoglianze
Home > Notizie > Esteri > A Mosca inaugurato il più grande museo ebraico
• Ultime/i Notizie in "Esteri"
• Due Chassidim insigniti di importanti onorificenze cavalleresche britanniche
• Studenti italiani festeggiano negli Stati Uniti
• Batman mette i Tefillin per la prima volta!
• Con Chabad l'ebraismo torna a vivere a Ulm in Germania
• Chabad in aiuto di un bar mitzvah di 99 anni
• Grande dolore per le vittime dell'attacco terroristico di Kiryat Malachi
• 4.000 emissari di Chabad riuniti al 29esimo Kinus
• A Mosca inaugurato il più grande museo ebraico
• Vietnam: Inaugurato il primo Mikvè. Una conquista spirituale in una terra difficile
• Chabad in prima linea per un aiuto concreto alle vittime di Sandy
• Commenti
A Mosca inaugurato il più grande museo ebraico

Dopo secoli di persecuzioni, di pogrom e di violenti atti di antisemitismo, attuati anche dal regime comunista, nella mattinata di giovedì è stato aperto a Mosca il nuovo Museo Ebraico e Centro di Tolleranza, promosso dalla Federazione delle comunità ebraiche della Russia, a cui è stato concesso l'edificio già nel 2001. La cerimonia ha visto la partecipazione di importanti cariche di stato israeliane e russe, tra cui il presidente Shimon Peres, il presidente della Federazione, Lev Leviev e il ministro russo degli Esteri, Sergey Lavrov.

Ancor prima dell'evento, il presidente Putin si è incontrato con il rabbino capo della Russia, Rav Berel Lazar, confermandogli esplicitamente come il nuovo museo utilizzando i più moderni metodi tecnologici, con i suoi 9.000 metri quadri di esposizione di manufatti ebraici ma anche con un percorso che parte dalla storia dalla creazione del mondo, passando per il dono della Torà, i Templi a Gerusalemme fino alla storia delle persecuzioni, sia un segno indelebile nella lotta contro l'antisemitismo.

"Questo museo è una dichiarazione eloquente dei principi di tolleranza nei confronti delle persone e della loro libertà" ha dichiarato Shimon Peres durante la cerimonia di inaugurazione, ribadendo come il museo sia un anello di congiunzione tra il passato e un cammino, colmo di speranza, verso il futuro dell'uomo. Anche il ministro russo ha ribadito il grande valore dell'evento, che riflette le relazioni amichevoli tra i due paesi, confermando la necessità di mantenere viva la memoria delle vittime della seconda guerra mondiale, vero prezzo della vittoria sul fascismo.

Il Foglio

Io Donna

Pubblicato giovedì 8 novembre 2012 alle 10:41:50



































Precedente  
© Copyright 1998 - 2019 Chabad.it | Ebraismo, Ebrei e Torà |